Spazioriuso

69 Articoli 0 Commenti

0 876

Domenica 10 aprile, in concomitanza con la tradizionale Festa di Primavera, torna “anteprima Riusanze”. Durante la giornata sarà aperto il punto ristoro.

Dalle 9.00 del mattino cancelli aperti per espositori e curiosi: una giornata di mercato dell’usato aperto a tutta la cittadinanza.
Hai oggetti, elettrodomestici, libri, vestiti, dischi, etc, etc ancora in buono stato ma che non ti servono più?
Puoi allestire il tuo banchetto ad “anteprima Riusanze” e cedere i tuoi beni ad offerta libera!

Vi aspettiamo numerosi e… diffondete l’appuntamento!!


Per partecipare occorre prenotarsi inviando una mail a riusanze@gmail.com
per info: 328 9766591

0 1242

C’è chi vede i mercatini dell’usato come luoghi senza tempo, uno spazio sospeso ricco di sorprese e oggetti affascinanti. Nella consuetudine quotidiana è ancora forte l’idea di entrare in un mercatino e trovare l’oggetto inconsueto, l’affare e una sorta di riscoperta del tempo passato o del raro. E in effetti questi luoghi magici contengono non solo oggetti, ma anche le loro storie.

Oltre alla visione del pittoresco e dell’inedito oggi scopriamo di più. Il second hand anche in Italia non è solo shopping alternativo, ma sta diventando consuetudine.

L’evoluzione del settore dell’usato sta radicandosi in maniera stabile nel tessuto sociale del paese. La domanda di poter riutilizzare oggetti ancora in buono stato, funzionanti, praticamente nuovi, recuperando parte della spesa d’acquisto iniziale e riducendo gli sprechi, è alla base di una nuova etica del consumatore.

Un oggetto di seconda mano acquista così più valore rispetto ad uno nuovo. Nel momento in cui viene reimmesso in commercio diminuisce la richiesta di produzione di un prodotto nuovo, riducendo l’inquinamento derivato dalla produzione, e favorisce la crescita di un settore economico sostenibile.

Il riuso si fa alternativo al consumismo attraverso la consapevolezza che oggi la produzione di merci ha superato la domanda,  che l’accumulo di beni  inutilizzati è uno spreco e che lo smaltimento è un costo per la collettività. In questo contesto i negozi second hand diventano di tendenza, si specializzano e investono in innovazione. I nuovi imprenditori del riuso sono aggiornati, appassionati e investono sulla valorizzazione delle merci attraverso nuove competenze, tecnologie e il web.

A questo punto, a sostegno della nostra tesi,  non possiamo fare a meno di presentarvi Marco Pirisi, operatore dell’usato cagliaritano, professionista del riuso che ha dato vita ad una delle più significative attività second hand specializzate in articoli sportivi: Sportalo-l’usato per gli sportivi.

183099_322984811160436_653005007_n

Nel suo negozio si possono trovare solo articoli sportivi di seconda mano, selezionati con cura e professionalità e in grado di soddisfare qualsiasi passione sportiva. Sono articoli recenti che i privati portano per essere rivenduti attraverso il sistema del conto-vendita. Il merito di Marco è quello di aver fatto un investimento di successo non solo imprenditoriale, ma anche culturale. Ci racconta che:

 

La soddisfazione più grande la leggi nella faccia della gente e nei mille complimenti, è il sentirsi dire ‘te lo meriti’ da persone che conosci appena, è l’’espressione del ragazzo che telefona all’ amico per spiegarli che ha scoperto un posto fighissimo o il bambino che porta la sua bicicletta con il padre per venderla e ricomprarsi quella più grande, ma soprattutto è vedere la trasformazione di un sogno in un’idea per poi vederlo diventare un progetto ed infine una realtà.”

Noi di SpazioRiuso.it osservando ed entusiasmandoci per queste realtà virtuose non possiamo che augurarci che il settore economico del riuso, attraverso competenze e innovazione, riesca a sviluppare non solo un cambiamento culturale ma di pari passo uno sviluppo economico più sostenibile ed equo, attento all’ambiente e alternativo all’economia tradizionale.

Meno consumismo e più consumo … forse è la ricetta per uscire dalla crisi insieme.

0 1027

Un orologio Swatch in edizione limitata è un bell’oggetto di per sè. E’ un oggetto da collezione, per chi ama il collezionismo. C’è chi invece non sopporta le collezioni e non sopporta di sottrarre vita agli oggetti.  E’ così che il Che Guevara Revolucion, acquistato in un mercatino dell’usato di Firenze, è tornato a ticchettare al polso di Adele.

Non è costato molto, ma per lei vale molto: il divertimento e la soddisfazione di poter rispondere alla domanda: “che ora è?”  – ” E’ l’ora della revolucion!!!”

In fondo … ogni minuto potrebbe essere quello giusto per decidere di cambiare il mondo.

0 925

Il vecchio Santa Klaus, o San Nicola o Babbo Natale, che dir si voglia, è lì vicino alla Posta con le sue renne. Non è contento e chiama Gnomo Rigioco e Fata Arbolè: “Troppi bambini hanno tutto e non hanno più quel che serve: la generosità. Io son diventato quel che sono regalando il mio patrimonio ai poveri, le monete d’oro alle ragazze senza dote perchè si potessero sposare e agli studenti perchè potessero studiare.”

Ora Babbo Natale serve solo per i Grandi Magazzini?! Con tutti quei giochi comprati e buttati, con troppe carte luccicanti, scatole, bigliettini e fiocchetti che poi ingombreranno la spazzatura.”

“Insomma è tutto da ripensare.” Riflette Fata Arbolè … “Su andiamo alla Bottega del Riuso! Qui i bambini possono ridare vita ai giocattoli, se li hanno tenuti per benino e puliti.”

per-bidonville-862x441“Ma lo sapranno? Bisogna mandare letterine di Natale diverse.”

Babbo Natale si rianima. “I bambini potranno esprimere pensieri d’amore attraverso i regali, soddisfare desideri di altri, ricevere doni con una storia e aiutare l’ambiente!”

E’ proprio contento: ” RIUSIAMO i giocattoli, i libri e i presepi del mondo? … anche gli Elfi si divertono, finalmente un lavoro prezioso!”

Gnomo Rigioco intanto ha iniziato a leggere le letterine e se la ride.”

 

Maga Rirì

 

0 948

Prima di appartenere a noi questa poltroncina in vimini insieme a due sedie e ad un porta vaso (sempre in vimini) appartenevano alle sorelle del nonno, la zia Gina e la zia Carolina ed erano state comperate in Francia diversi decenni fa. Quando la zia Carolina si è ammalata uno dei suoi fratelli ha avuto l’idea di attaccare ad una delle due sedie delle ruote, trasformandola in una sedia a rotelle in vimini. Oggi invece, ritornate alla loro forma originale, fanno parte dell’arredamento della camera degli ospiti.

0 922

Il 17 ottobre a Preganziol si parla di RISPARMIO, RICICLO E SCAMBIO.
Una giornata per conoscere e vivere idee ed esperienze diverse sul riuso, sulla creatività, sui modi per acquistare o scambiare, sulla sostenibilità ambientale e dell’agricoltura.

RISPARMIA -RIUTILIZZA – RICREA
Biblioteca Comunale (Casa Michieletto) – 17 ottobre 2015

La mattina si apre con la tavola rotonda: Sociale, Locale, Solidale – ore 10-12
Con gli interventi di
• Gruppo Riutilizzo: L’esperienza del Non Negozio
• D. Alberto Bernardi – responsabile Pastorale Stili di Vita: L’Emporio Solidale Treviso, quali nuove forme di sostegno?
• Peter Prossliner – AKRAT Recycling Onlus: Fare impresa sociale a partire dal riuso
Facilita: Mauro Ferrari, Università Cà Foscari Venezia

Tutto il giorno nel Parco della bilblioteca – ore 10-17
ANGOLI ESPOSITIVI – INFORMATIVI e ATTIVITÀ per GRANDI e PICCOLI

#CLUSTER AGRICOLTURA SOCIALE: biofattorie, fattorie sociali, fattorie didattiche

#CLUSTER ALTRI ACQUISTI: agricoltori locali – esposizione e degustazione – i gruppi di acquisto solidale

#CLUSTER UPCYCLING: esposizione di prodotti ottenuti da materiali di scarto e riciclati

#CLUSTER CITTADINE/I ATTIVE/I: le attività proposte dai gruppi di cittadini attivi sul territorio

….

oltre alle attività e alle esposizioni domani ci saranno anche degli ANGOLI INFORMATIVI

GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE a cura del GAS Gasia

RIUSO CREATIVO, Associazione Culturale Passione e Percorsi

SELEZIONE DI LIBRI SUI TEMI DELLA GIORNATA, Biblioteca Comunale di Preganziol

IDEE PER UN USO CREATIVO DEL TEMPO IN FAMIGLIA, Centro Donna di Preganziol

0 915

22-23-24-25 ottobre 2015

RE-USE WITH LOVE sostiene Piccoli Grandi Cuori ONLUS con il  Mercatino Vintage.  

Obiettivo dell’evento è la raccolta fondi per l’acquisto di un ‘‘Software Real time Tridimensionale (3D) per Piattaforma Ecocardiografica EPIC ‘’ a sostegno del reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dell’Età Evolutiva dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola – Malpighi di Bologna

 

Il MERCATINO SOLIDALE VINTAGE EDIZIONE 2015 si svolgerà nei giorni:

Giovedì 22 – Venerdì 23 – Sabato 24 – Domenica 25 OTTOBRE 2015

in via S. Stefano, 119 – Bologna.

 

Raccolta donazioni di: abiti, accessori per donna, uomo, neonato, bambino, giochi e libri.

Per informazioni e contatti: reuse.with.love@gmail.com – www.reusewithlove.org

0 984

Da anni ormai non serve più, non so neppure se è rotto o solo nessuno sa più farlo funzionare, eppure ricordo ancora il magico ronzio … Ed era subito cinema!

0 804

Sabato 10 ottobre dalle 10:00 alle 12:00 in Piazza Mercato a Marghera -VE –

Porta scegli e scambia ciò che può ancora essere usato ed è in ottimo stato.

 

0 729

La Mostra Artigianato Alto Vicentino raddoppia e ospita la 1° edizione di MAAV RIUSO CREATIVO negli spazi della Mostra, un’ area dedicata al riciclo e all’eco-sostenibilità. Dal design, abiti ed accessori alle nuove tecnologie.

Una mostra aperta al grande pubblico ad ingresso gratuito per 3 giorni consecutivi il venerdì dalle 18.30 alle 23.00, il sabato e la domenica dalle 9.00 alle 23.00, arricchita di eventi collaterali e manifestazioni che sapranno attirare visitatori di ogni età . 

All’apparenza sono solo rifiuti, merce accatastata per affetto o per pigrizia, di cui non si vede l’ora di liberarsi. In realtà, con il talento e la fantasia dell’uomo, possono diventare vere opere d’arte, oggetti innovativi, che incarnano lo slogan del “niente spreco”. A tutto questo è dedicata la principale novità dell’edizione 2015 della Mostra Artigianato Alto Vicentino. Una mostra nella mostra, che ha come filo conduttore la pratica del riuso e dell’eco-sostenibilità.

Un modo per dimostrare come si possono svuotare i sacchi dei rifiuti per creare oggetti originali e unici, dando nuova vita a ciò che sembrava inutile o non più al passo con i tempi, dando forma e concretezza al motto secondo cui, in natura  “nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma” e valorizzare il senso civico del riciclo e del recupero degli oggetti, nel segno della sostenibilità ambientale promuovendo forme di consumo più consapevole.

La Mostra del Riuso Creativo si propone come una vetrina per imprese e persone che  sanno fare la differenza, suggerendo modalità di riutilizzo di beni e materiali. Dal recupero di mobili e oggetti, all’utilizzo di energie pulite, a tutto quanto può servire per tutelare l’ambiente. Si potranno trovare esempi di creazioni capaci di solleticare la fantasia, ma anche stili di vita da imitare, perché ognuno può fare la sua parte, con pochi semplici accorgimenti. E per chi non si accontenta di guardare, saranno allestiti laboratori e workshop per imparare a riutilizzare e ancora stand e momenti di gioco, accompagnati da proposte gastronomiche locali e birrifici artigianali. Il tutto arricchito da accattivanti proposte musicali per contribuire a guardare con occhio nuovo alla realtà di tutti i giorni.

Perché partecipare alla mostra?

– per la presentazione e vendita di nuovi prodotti ai 30.000 visitatori della fiera

– per promuovere il proprio brand a nuovi potenziali clienti con attività di marketing e comunicazione della propria attività

– per valorizzare le eccellenze e le tipicità del proprio territorio

– per creare nuove opportunità di business.

A MAAV Riuso Creativo è possibile:

– aderire all’esposizione anche senza p.iva

– eseguire  lavorazioni sul posto

– effettuare laboratori per i visitatori

 

Per maggiori dettagli vai al sito: http://www.mostraartigianatoaltovicentino.it/maav-riuso-creativo/

 

Manifestazione organizzata da :

Comitato Mostra Artigianato dell’Alto Vicentino Piazza Silva, 27 – 36035 Marano Vicentino

Segreteria Organizzativa :

MAAV a Marano Vicentino – info@riusocreativo.com Tel. 0445 598833 – 320 4236699

e Associazione Culturale Heyart – info.heyart@gmail.com Tel. 347 1271339 – 333 8622307

Seguici su: